Una Guida Passo Passo All'acquacoltura Biologica In India

Acquacoltura biologica in India: l’ acquacoltura biologica mira a mantenere la sostenibilità del sistema limitando l’introduzione di sostanze dannose che influiscono negativamente sull’ecosistema. L’acquacoltura biologica è una pratica di tecniche colturali sostenibili, basate su tecniche ambientalmente ed ecologicamente valide a lungo termine. Queste pratiche aiutano ad aumentare i beni acquatici in modo umano, sostenibile e anche privo di inquinamento. Le buone pratiche di gestione della salute, ad esempio, dovrebbero provenire da risorse sostenibili autorizzate per ridurre lo stress garantendo la libera circolazione, condizioni di vita ragionevoli e uno stoccaggio ottimale in contrasto con la capacità di carico dell’allevamento di mangimi naturali. I prodotti raccolti dovrebbero essere privi di inquinamento e fabbricati in modo sostenibile.

Guida All’acquacoltura Biologica In India

I principi dell’acquacoltura biologica consistono nel produrre frutti di mare sani e privi di malattie senza l’uso di antibiotici, ormoni e prodotti chimici, ecc., E anche per proteggere l’ambiente anche dalle condizioni più avverse.

L’acquacoltura biologica svolge un ruolo importante nel migliorare la fertilità del suolo, ridurre i costi di produzione e rendere i consumatori più sicuri. I fertilizzanti chimici lasciano residui vegetali tossici. L’uso a lungo termine di questi alimenti biologici può portare a gravi malattie. E le sostanze chimiche si mescolano e contaminano lo sporco e l’acqua.

Rilevanza Dell’acquacoltura Biologica In India

L’acquacoltura biologica è diventata più significativa in quanto i consumatori sono più consapevoli degli impatti dannosi dell’acquacoltura intensiva e non sostenibile sull’ambiente, sulla sostenibilità e. Intende fornire pesce e prodotti ittici ecologicamente, economicamente e ambientalmente sostenibili. La diversità nelle specie, nella gestione e nei livelli di civiltà in acquacoltura richiede enormi sforzi per utilizzare l’immenso potenziale dell’acquacoltura biologica.

Allevamento ittico biologico

La piscicoltura biologica è un’idea di nuova costituzione ed è ancora nelle prime fasi di sviluppo e si intende ripristinare un corretto equilibrio nei sistemi di acquacoltura per il bene dei pesci, dell’ecosistema e dei consumatori.

Tuttavia, tre questioni devono essere conciliate per il momento per stabilire le aspettative. E non deve essere consentito l’utilizzo di antibiotici e pesticidi che sono convenzionalmente utilizzati in acquacoltura. Il problema principale è l’acqua, che può essere sia suolo che aria per i pesci, la cui qualità ha un ruolo significativo nella qualità del prodotto. Dovrebbero essere fissati standard sulla qualità e sulla purezza dell’acqua in entrata e in uscita per quanto riguarda i risultati ecologici.

Il mangime deve essere generato, costituito principalmente da farina di pesce, olio di pesce, prodotti a base di cereali, vitamine e minerali, ecc. E abbattere e ridurre il numero di contaminanti organoclorurati nei pesci marini che vengono utilizzati per la trasformazione in farina di pesce non è un compito facile.

L’acqua alimentata con ingredienti naturali provenienti da agricoltura biologica certificata e mangimi per la pesca sostenibile è stata progettata proprio per adattarsi esattamente a ciò che la nostra acqua consumerà in natura.

Cresciuto nelle acque profonde e pulite del Mediterraneo che il sito di produzione è libero da ogni azione industriale, agricola e urbana e quasi non inquinante.

Allevati in ampi recinti, costituiscono l’1% del volume nei loro recinti diminuendo la densità di popolazione a 1/3 di quella degli allevamenti standard permette ai nostri pesci di vivere in modo ordinario alla specie ittica e secondo i più alti standard di animali benessere.

Lentamente allevato come previsto dalla natura, non sono ammessi additivi, antibiotici o prodotti chimici di alcun tipo nella produzione.

Salute e benessere dei pesci

Le pratiche di gestione nell’agricoltura biologica raggiungono un alto livello di resistenza alle malattie e prevenzione delle malattie. In linea di principio, devono essere prese alcune precauzioni affinché il pesce non si ammali. Tutti i metodi di gestione mantengono la buona salute degli organismi viventi, specialmente quando influenzano i tassi di produzione e il tasso di sviluppo. Per mantenere questo, l’intensità delle scorte deve essere inferiore, dovrebbero esserci controlli sanitari regolari. Questo di solito significa che i pesci morti dovrebbero essere rimossi immediatamente dalla piscina e che le variabili di stress dovrebbero essere ridotte al minimo. Deve essere considerata la preferenza delle specie resistenti alle malattie e alle sottospecie. Può essere preferito alle specie ittiche le cui razze sono in pericolo.

Acquacoltura biologica certificata in India

Il National Organic Standards Board (NOSB), un organismo scelto per guidare le decisioni politiche degli Stati Uniti del Dipartimento dell’Agricoltura sull’acquacoltura biologica certificata NOP (National Organic Program), ha sostenuto i seguenti criteri per il pesce biologico;

I pesci non dovrebbero essere nutriti con cibo non biologico. Attualmente circa il 100% dei mangimi biologici è necessario per il bestiame biologico accreditato.

Pesce d’allevamento da nutrire con farina di pesce ottenuta da pesce selvatico che non assume mercurio e tossine extra.

E quel pesce non dovrebbe essere aumentato nei recinti a rete aperta. Queste gabbie possono portare a una contaminazione concentrata dei rifiuti e possono diffondere malattie e parassiti alle popolazioni di pesci selvatici. Le specie allevate biologicamente contengono trote d’acqua dolce, carpe, anguille, tinche, pesci gatto, tilapia, salmone d’acqua salata, spigole, orate, rombi, alci e gamberetti.

Fonte Di Sementi E Allevamento Per L’acquacoltura Biologica In India

  • Per mitigare lo stress sui riproduttori, è necessario seguire i ceppi e le tecniche di allevamento adatte alla specie, al clima, alle procedure di lavorazione e alle condizioni locali.
  • Fatta eccezione per i bivalvi, è vietata la raccolta di semi selvatici per l’allevamento esigente. L’ingresso passivo di semi selvatici è consentito nell’agricoltura tradizionale, poiché garantisce la diversità delle specie in agricoltura.
  • Il seme che è certificato biologico deve essere utilizzato. Se il seme non può essere ottenuto, l’organismo di certificazione prescriverà un limite temporale per l’uso di sementi non biologiche in base alla specie in questione.
  • La raccolta di riproduttori naturali per i gamberetti tigre è consentita fino a quando non sarà possibile ottenere riproduttori domestici nel paese.

Passi Significativi Da Adottare Per L’acquacoltura Biologica In India

  • valutare la capacità delle aziende agricole come produttori di acquacoltura biologica e promuovere la loro certificazione. E aumentare il prezzo della certificazione, senza diluire i requisiti, per renderli accessibili ai piccoli agricoltori.
  • Accettazione da parte del governo indiano del progetto di standard indiani per l’acquacoltura biologica e creazione di un mercato interno per i prodotti dell’acquacoltura biologica.
  • Aumentare la consapevolezza della possibilità dell’acquacoltura naturale e dell’agricoltura naturale creata in India attraverso adeguate soluzioni di estensione, tra gli agricoltori oltre che tra i consumatori.
  • Valutazione finanziaria completa dell’acquacoltura biologica per specie in via di sviluppo e anche il prezzo superiore da ottenere. Incoraggiare il naturale creare settore domestico.
  • Valutare i colli di bottiglia per la ricezione di input certificati biologicamente e aumentare la procedura per raggiungere questo obiettivo. Promuovere la ricerca verso metodi agronomici sostenibili, biocontrollo di malattie e parassiti, biofertilizzanti, ecc.

Produzione Di Acquacoltura Biologica

Ambiente o qualità dell’acqua

L’approvvigionamento idrico dovrebbe essere pieno di scarti di mangime, che possono causare un’eccessiva fertilizzazione o altri disturbi all’ambiente circostante, nel minor livello possibile. Le fonti d’acqua disponibili non devono essere svuotate o manipolate anche dagli allevatori e devono mantenere la qualità organica dell’acqua.

Razze

Devono essere utilizzate razze adatte ai problemi locali. Per ridurre la consanguineità e la perdita della variazione genetica, l’allevamento dovrebbe essere eseguito su un gran numero di coppie riproduttive. Non utilizzeremo specie triploidi geneticamente modificate. L’allevamento può essere ottenuto utilizzando metodi naturali. I riproduttori devono provenire da fonti organiche, ove disponibili. In un ambiente naturale, le specie moderne devono trascorrere almeno i due terzi del ciclo di vita. Non avevamo bisogno di pesci triploidi e geneticamente modificati.

Nutrire e trattenere

Il mangime è costituito da materie prime biologiche estratte da stock acquatici selvatici. Le materie prime acquatiche provenienti da parti non utilizzate per il consumo umano e da sottoprodotti dovrebbero essere utilizzate per la preparazione di mangimi per soluzioni di gestione della pesca. L’alimentazione dovrebbe essere effettuata in modo tale che il mangime naturale possa essere ottenuto anche in un sistema di laghetto con uno spreco minimo di questo mangime integrato.

Nutrizione

Il programma di acquacoltura biologica fornisce una dieta nutrizionalmente sana e di alta qualità. Il mangime viene fornito alla specie in modo tale da consentire un’attività alimentare naturale, con una minima perdita di mangime.

Aquafeeds dovrebbe comprendere il 100% di componenti organici approvati da sottoprodotti e almeno il 50% delle proteine. Il mangime o la fertilizzazione devono essere basati su animali o colture. Possono essere consentiti integratori minerali. Non è consentito utilizzare promotori di crescita sintetici, antiossidanti, conservanti e coloranti.

spedizione

Il trasporto non dovrebbe causare alle creature acquatiche ansia evitabile o danni fisici. Non ci devono essere impatti dannosi sull’attrezzatura di trasporto. Devono essere seguiti criteri di trasporto adeguati, ad esempio la qualità dell’acqua e la conservazione del volume, lo spazio minimo e il tempo per il trasporto e le misure di sicurezza contro la fuga durante il trasporto. Gli animali non ottengono tranquillanti chimici o stimolanti prima o dopo il trasporto.

Trattamenti E Benessere Della Salute Degli Animali Negli Organismi Acquatici

Considerando che la nozione di prevenzione è meglio che curare negli organismi acquatici, la gestione del benessere deve essere seguita in modo che non vi sia bisogno di farmaci. Nel caso in cui persista un’indicazione di malattia, devono essere prese immediatamente misure appropriate. Per il mantenimento devono essere utilizzati i farmaci con il minor impatto negativo sull’ambiente e la minore minaccia per la sicurezza umana e animale.

Vantaggi Dell’acquacoltura Biologica In India

Molti clienti potrebbero preferire i prodotti biologici per il benessere degli animali a causa dei loro ridotti cumuli di sostanze chimiche sintetiche, o addirittura affermazioni di maggiore valore nutritivo.

Laddove i mangimi biologici sostituiscono i componenti catturati in natura con i sottoprodotti della pesca e utilizzano grandi quantità di parti di piante biologiche, l’impatto della diminuzione della pressione della pesca sugli stock selvatici e della ridotta impronta di carbonio sull’ecosistema viene lentamente ridotto.

Il controllo del mangime è preservato dal monitoraggio e da una fornitura sufficiente di mangime, riducendo così la pressione sull’organismo. Inoltre, l’ecosistema controllato riduce i problemi con la malattia e aiuta a preservare la qualità dell’acqua sicura.

I prodotti buoni e gustosi derivati dall’agricoltura biologica senza sostanze chimiche di sintesi offrono ai consumatori un’atmosfera sana e salutare.

Principi Dell’acquacoltura Biologica

Il principio primario dell’acquacoltura biologica include;

  • Assenza di OGM (organismi geneticamente modificati) nelle scorte e nei prodotti nutritivi, concentrandosi su ingredienti per mangimi vegetali come semi di soia derivati da biotecnologie e additivi per mangimi, oltre a stock transgenici, triploidi e esclusivamente femminili.
  • Limitazione della densità di allevamento tenendo in considerazione il potenziale ecologico dei siti e le azioni animali specifiche di esempio gamberetti 15 PL / m3, risp. massimo 800kg/ha un periodo di produzione.
  • Fornitura di fertilizzanti vegetali e mangimi da produzione biologica certificata, senza componenti di mangimi sintetici e operazioni di produzione di acquacoltura sostenibile.
  • Nessun utilizzo di fertilizzanti inorganici, ovvero riciclaggio di nutrienti invece di input intensivi.
  • Nessun utilizzo di fitofarmaci di sintesi mantenendo ovviamente variegata la superficie aziendale.
  • Ad esempio, restrizione del consumo di energia per quanto riguarda l’aerazione a causa di una tendenza generale; de-intensificazione delle operazioni, diminuzione degli input.
  • Preferenza per i farmaci organici, nessun uso profilattico di antibiotici, nessun uso in acquacoltura di invertebrati di determinate sostanze.
  • Generazione di un prodotto finito da certificare come biologico secondo gli standard del concetto biologico.

Passi Per La Certificazione Dell’acquacoltura Biologica

Scambio di informazioni

Lo scambio di conoscenze è il primo passo verso la certificazione dell’acquacoltura biologica. Ciò fornisce informazioni complete sugli aspetti tecnici e formali della certificazione. E all’interno di questa misura, viene eseguita un’indagine di base di questo questionario.

Visita di pre-valutazione

Lo scopo di questo viaggio è quello di avere un’impressione di questa situazione in loco e discutere le misure per la conversione insieme alle parti interessate, definendo il programma di conversione.

ispezione

La stima dei costi sarà fornita dall’ispettorato prima della revisione programmata. L’ispettore emetterà il rapporto di revisione sull’agenzia di certificazione dopo la revisione, al fine di valutare i risultati.

Certificazione

Il rapporto di ispezione viene inoltrato al Comitato di Certificazione e gli ulteriori risultati. La conclusione del comitato è comunicata alla piantagione mediante lettera di certificazione, che include le condizioni a cui è soggetta la certificazione. Si concentra sul rinnovo annuale del premio.